Facebook Lead Ads

Facebook lead ads: cosa ti serve per imparare ad utilizzarli in modo efficace?

  1. Imparare ad utilizzare la piattaforma Facebook per creare dei form attraverso cui raccogliere dei contatti;
  2. Usare un software che si integri con Facebook per gestire tutti gli indirizzi email acquisiti; 
  3. Comunicare con i clienti acquisiti per mantenere un rapporto costante e interessante sfruttando strumenti che automatizzano le email.

I Facebook lead ads, rappresentano uno strumento utile per generare quei contatti profilati di cui un professionista o un’azienda ha bisogno per accrescere la propria attività.

Sfruttare Facebook per la lead generation può essere un modo vincente e meno costoso per imparare a conoscere cosa i potenziali clienti si aspettano da noi.

E’ utile fare lead generation con Facebook?

La risposta è Si!

Perché fare lead generation significa riuscire ad acquisire dei contatti di qualità che sono interessati ai prodotti o servizi che la nostra attività offre.

La piattaforma social Facebook è infatti frequentata sia da privati che da aziende.
Se riesci ad attivare delle campagne profilate, farai certamente un salto di qualità per avere dei guadagni che prima non avresti mai immaginato.

Anche se non possiedi un sito web tuo, puoi comunque intraprendere la strategia di acquisizione dei contatti. Basta utilizzare il cosiddetto Facebook lead generation form, il quale può essere personalizzato e da cui ricaverai e-mail, nome o anche numeri di telefono.

Questi dati sono davvero fondamentali per la tua attività, perché una volta che hai generato dei contatti, puoi nutrirli e renderli sempre più fedeli e interessati a ciò che proponi.

Chi infatti compilerà il lead ads form, non sarà altro che quel potenziale cliente, che sta proprio cercando te!

Investire per guadagnare di più

Come possiamo sfruttare gli strumenti del web per il nostro business?

Possiamo prendere l’esempio di uno studio fotografico, quindi un vero e proprio Facebook lead generation case study. L’obiettivo era quello di ottenere un incremento di richieste per i servizi che offriva, in particolare per il periodo primaverile, molto proficuo in genere di cerimonie nuziali.

Lo studio fotografico attivò una campagna di Facebook ads di lead generation con form da compilare. Venivano così raggiunte quelle donne in età di matrimonio, in genere tra i 20 e i 40 anni, residenti nella regione della Campania in cui opera tale studio.

Queste donne sui propri profili avevano specificato la loro situazione sentimentale ed espresso tutto ciò che poteva rientrare in tema di matrimonio.

Così era stato identificato il target e attratto attraverso i lead ads di facebook.

I potenziali nuovi contatti venivano coinvolti con frasi ricche di emozione e foto in stile reportage che di certo hanno creato molto appeal.
Il form da compilare aveva come obiettivo la richiesta di un preventivo.

Su circa 20 mila persone raggiunte (ecco l’utilità di utilizzare questa piattaforma social), sono state registrate 350 conversioni.

Il costo per lead è stato di 0,35 centesimi, per un totale di investimento di euro 121.
Di queste 350 richieste di preventivo, 19 persone hanno deciso di acquistare il servizio fotografico che in genere si aggira sulle 2.000 euro.

Ciò dimostra come con una spesa di 121 euro, lo studio fotografico abbia incassato circa 37.000 euro. Siamo quindi pronti a considerare quanto possa essere utile lo strumento di Facebook lead ads?

Facebook lead ads: come funzionano?

Sono ottimizzati per i dispositivi mobile anche se negli ultimi aggiornamenti pure dal desktop è possibile visionarli.

Impostarli è semplice così come si consiglia anche di sfruttare l’ultimo update.
Tale aggiornamento permette di dare vita su Facebook a dei lead ads test, così che si possa misurare quale strategia permette dei risultati ottimizzati.

A noi interessa che, questo strumento di marketing ci permetta di controllare e misurare ogni genere di risultato interessante per il nostro business.

Facebook lead generation

E’ importante sapere che per accedere ai Facebook lead ads bisogna però avere una pagina facebook propria che è ben differente dal profilo personale.

Dobbiamo pertanto eseguire queste semplici operazioni:

  • Creare la campagna per generare contatti;
  • Impostare il budget da investire;
  • Scegliere il nostro target e l’area geografica di riferimento;
  • Creare l’inserzione con testo, immagine o video;
  • Improntare il modulo per acquisire i contatti scegliendo le informazioni personali di cui abbiamo bisogno.

Così facendo, abbiamo creato la landing page di Facebook, ovvero il mezzo che consente di farci conoscere al pubblico davvero interessato alla nostra attività.

Cosa facciamo una volta che abbiamo generato dei contatti?

Una volta che i nostri Facebook lead ads hanno generato dei contatti, sappiamo che il nostro lavoro non è per nulla finito. Le persone hanno bisogno di:

  • sentirsi partecipi;
  • poter chiedere ed esprimere opinioni;
  • informarsi;
  • capire quali benefici può avere un prodotto o servizio.

E’ fondamentale sapere “nome e cognome” del nostro cliente così da poter agire in maniera diretta verso il suo bisogno. Tutti coloro che hanno compilato il form dei nostri lead ads, adesso sono una lista, ovvero la nostra fonte di guadagno.

Per lavorare in modo proficuo si consiglia di automatizzare il processo. Potremo perciò inviare ai nostri gruppi di target le nostre proposte, aggiornamenti e sconti del caso.

Diventa pertanto utile sincronizzare il processo di Facebook lead ads con GetResponse.
Questo programma raccoglie e gestisce gli indirizzi email acquisiti e quindi utile per inviare newsletter o attivare campagne di email marketing.

Poter suddividere i nostri contatti in gruppi, periodizzare l’invio delle email e fidelizzando la clientela, si possono ottenere grandi risultati con minimo sforzo. Si può fare lead generation su Facebook con GetResponse in quanto automatizza tutti i processi.

Vantaggi e Svantaggi di Facebook lead ads

Utilizzare gli strumenti di marketing presenti su Facebook come i Lead ads o il canvas lead ads (una landing page interna sul social), offre sicuramente dei vantaggi. Infatti il procedimento per creare questo tipo di inserzioni è abbastanza intuitivo e semplice.

Inoltre parliamo di un social in cui sono presenti milioni di utenti e aziende che potenzialmente potrebbero divenire nostri clienti.

La tendenza dominante ormai è quella di usare lo smartphone perché più pratico e ce l’abbiamo ovunque ci troviamo. Di fronte a questa abitudine, la caratteristica dei Facebook lead ads, è quella di portare il lettore a non dover uscire dal social per atterrare in un sito esterno.

Quindi si ha un procedimento di acquisizione del contatto, più veloce e intuitivo. L’user experience è anche ottimizzata con pagine che caricano rapidamente, così che in pochi click avremo acquisito il nostro lead.

Ma allo stesso modo ci sono anche degli svantaggi perché in alcune situazioni potremmo rischiare di recuperare dei contatti che non sono qualitativi e davvero interessati.

Sono molti i casi in cui nei lead ads l’utente potrebbe cliccare lasciando il proprio contatto seppur non interessato davvero, ma solo incuriosito.

Alternative di Lead generation

Sorge pertanto una domanda: dove fare dei lead ads oltre facebook?
Un’attività di lead generation sotto certi aspetti più professionale è costituita dalla creazione di:

  • landing page, grazie a quegli strumenti utilizzati dalla maggior parte dei marketers professionisti;
  • se vuoi iniziare senza investire particolari cifre, ci sono anche dei programmi che sono comunque capaci di filtrare quei potenziali clienti che sarebbero effettivamente interessati e perciò convertibili in acquisti.
lead ads

Il concetto qualità e quantità dei contatti ottenuti merita delle considerazioni: ad esempio quando si attiva sui lead generati una campagna marketing con le email. Alcuni usano dei software automatici, altri un servizio di customer care.

Ma bisogna tenere conto del costo di gestione sulla quantità di contatti su cui lavorare, rispetto poi a ciò che si rivelerà convertibile. Tale situazione potrebbe variare da caso a caso ed è probabile che pesi dal punto di vista dell’investimento economico.

Pertanto risulta sempre utile fare dei test leads per capire quale strategia adottare affinché ci sia un processo di guadagno.

Hubble Contacts: una storia di successo

Tra i tanti case studies che ci darebbero idea delle potenzialità dei Facebook lead ads c’è sicuramente quello di Hubble Contacts. Si tratta di un produttore e rivenditore americano di lenti a contatto.

Nello scegliere gli strumenti di pubblicazione per la propria attività e offerte ha deciso di farsi conoscere, grazie alla piattaforma Facebook.

Questa è un’azienda che realizza e vende delle lenti a contatto giornaliere a basso costo attraverso un abbonamento online. Per comprendere come far crescere il proprio business ha studiato prima il mercato di riferimento.

Poi ha creato attraverso facebook una lista di contatti con i quali effettuare in seguito un retargeting per mezzo delle inserzioni.

Ha pertanto utilizzato al meglio la potenzialità dei leads ads, fornendo ai potenziali contatti delle info importanti sulle lenti. Allo stesso modo ha poi chiesto di iscriversi attraverso un apposito form, per dare modo di scoprire di più sui benefici del servizio che forniva.

Utile e rapido si è rivelato il modulo precompilato che contiene le info di contatto dei profili facebook che venivano appunto raggiunti tramite le ads.

E’ così riuscita ad ottenere una lista di contatti interessati realmente al loro prodotto
In una seconda fase quindi ha messo a punto un processo di retargeting, dove quei potenziali clienti, sono divenuti degli acquirenti.

Grazie anche a questa campagna l’azienda è riuscita a raccogliere circa 3,7 milioni di dollari, potendo così espandere il suo business anche all’estero.

Conclusioni

Abbiamo sotto mano gli strumenti per avere successo nella nostra attività e nonostante tutto continuiamo a pensare e agire come 20 anni fa. Il mondo delle vendite è in continua evoluzione e gli stessi clienti hanno oggi conoscenze ed esigenze differenti.

Dobbiamo sapere cosa effettivamente cercano, quando cercano e perchè!
Ma per avere queste importanti informazioni dobbiamo essere pronti:

  • Approfondiamo e studiamo le novità; 
  • Utilizziamo quei prodotti che velocizzano e migliorano il nostro lavoro;
  • Facciamoci aiutare dai software;
  • Impariamo ad essere professionali, perché se vogliamo il meglio dobbiamo usare solo gli strumenti top.
Come valuti questo articolo?
[Total: 1 Average: 5]
Copywriter e appassionato di web marketing. "Molte realtà aziendali spesso si trovano a subire la crescita del loro business. Adottano cioè metodi obsoleti che generano scarsi risultati e causano un'implosione dell'attività stessa." Con una lunga e consolidata esperienza maturata nel settore del commercio offline e nella gestione della clientela, Francesco, conosce i nuovi strumenti appartenenti al mondo digitale e indica le strade migliori da percorrere a tutti coloro desiderosi di comprendere il modo migliore di guadagnare online, investire con poco rischio e risparmiare grazie a pochi e semplici accorgimenti. Nel suo paradigma lavorativo assumono un ruolo centrale la comunicazione, il rapporto costante e costruttivo con il cliente, le strategie e l’analisi. Laureato in Scienze Politiche, ha conseguito una certificazione come Assistente Notarile, lavorando in questo settore per alcuni anni. Successivamente ha perseguito le sue passioni, in particolare, nel settore delle vendite. "Ma la sfida più grande è stata quella di diventare un imprenditore digitale." Un’esperienza che ha deciso di condividere in questo magazine con chiunque fosse interessato ad intraprendere nuove strade di business online. È inoltre appassionato di sport, musica e motori; un suo desiderio sarebbe quello di viaggiare e conoscere le diverse culture esistenti nel mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui